Deutsch English
Le cause

"Esistevano tutti gli elementi che avrebbero dovuto indurre a non utilizzare l'area prescelta."
I mancati controlli.

In oltre 20 anni le discariche non furono mai sottoposte a serie verifiche di stabilità da parte delle società concessionarie o a controlli da parte degli Uffici pubblici cui compete l'obbligo del controllo a garanzia della sicurezza delle lavorazioni minerarie e dei terzi.


Incredulità e dolore, nel vuoto di una valle straziata.
La "verifica" del 1975.

Nel 1974 il Comune di Tesero chiese conferme sulla sicurezza della discarica.
Il Distretto minerario della Provincia Autonoma di Trento incaricò della verifica di stabilità la stessa società concessionaria (la Fluormine, appartenente allora ai gruppi Montedison ed Egam) che la effettuò nel 1975.

Pur trascurando una serie di indagini indispensabili, la verifica permise di accertare che la pendenza dell'argine del bacino superiore era "eccezionale" e la stabilità era "al limite".
Nella sua prima relazione il tecnico incaricato della verifica sembra in sostanza affermare: "strano che non sia già caduto".
Tuttavia la risposta della Fluormine al Distretto minerario e di questo al Comune fu positiva e portò all'ulteriore accrescimento che avvenne con una minor pendenza dell'argine.


La colata di fango scese verso valle in uno stato di semifluidità.
"Non poteva che crollare".

"La Commissione ministeriale d'inchiesta ed i periti nominati dal Tribunale di Trento hanno accertato che "tutto l'impianto di decantazione costituiva una continua minaccia incombente sulla vallata".

"L'impianto è crollato essenzialmente perché progettato, costruito, gestito in modo da non offrire quei margini di sicurezza che la società civile si attende da opere che possono mettere a repentaglio l'esistenza di intere comunità umane.
L'argine superiore in particolare era mal fondato, mal drenato, staticamente al limite. Non poteva che crollare alla minima modifica delle sue precarie condizioni di equilibrio".


Bacino superiore e inferiore
Le cause del crollo.

La causa del crollo è stata individuata nella cronica instabilità delle discariche, ed in particolare del bacino superiore, che non possedevano coefficienti di sicurezza minimi necessari a evitare il franamento.
Le cause dell'instabilità sono state individuate in particolare:
  1. nel fatto che i limi depositati non erano consolidati a causa
    • della natura acquitrinosa del terreno su cui sorgevano le discariche che non consentiva la decantazione dei fanghi,
    • dell'errata costruzione dell'argine del bacino superiore che non consentiva un adeguato drenaggio al piede,
    • della costruzione del bacino superiore a ridosso del bacino inferiore: crescendo, l'argine venne a poggiare in parte sui limi non consolidati del bacino inferiore, peggiorando così ulteriormente il drenaggio e la stabilità;
  2. nell'altezza e nella pendenza eccessive del rilevato:
    • l'argine del bacino superiore aveva un'altezza di 34 metri,
    • la pendenza raggiungeva l'80 per cento, pari ad un angolo di 40 gradi,
    • le discariche erano costruite su un declivio con pendenza media del 25 per cento circa;
  3. nella decisione di accrescere l'argine con il sistema "a monte", il più rapido e il più economico ma anche il più insicuro;
  4. nell'errata collocazione delle tubazioni di sfioro delle acque di decantazione:
    sul fondo dei bacini e attraverso gli argini.
Avviso:
La Fondazione Stava 1985 Onlus non chiede donazioni con messaggi di posta elettronica via Internet.
Ogni messaggio elettronico con richiesta di donazioni a favore della Fondazione Stava 1985 Onlus o che proponga vincite in denaro a nome della stessa costituisce una frode.
Tutti i diritti per i testi, le immagini ed i filmati contenuti in questo sito sono riservati.
Ne è consentito l'uso solo con l'indicazione della fonte. | impressum » | Cookie Policy »
Copyright © 2007 Fondazione Stava 1985 Onlus | invia questa pagina » invia